Inter Under 16 in finale: festeggiano due ragazzi di Villa Guardia

Thomas Branzini, residente a Villa Guardia, in quel di Maccio. Quest’anno 5 reti per lui in neroazzurro

Andrea Benedetti, dopo Milan, Como e Renate, da due stagioni veste la maglia dell’Inter

L’attaccante Gnonto festeggia il momentaneo raddoppio

E’ finale scudetto per l’Inter Under 16 di Gabriele Boancina, tecnico della formazione giovanile dell’Inter che ieri sera con grande sofferenza è riuscito ad avere la meglio della Juventus guidata dal tecnico Paolo Beruatto. Entrambe si sono presentate all’appuntamento forti del successo nel rispettivo girone.

Anche lo scorso anno le due formazioni si erano incontrate nella fase conclusiva, nella finalissima scudetto Under 15 in cui i neroazzurri avevano avuto la meglio con un roboante 5 a 0. Allora il mattatore della serata era stato Andrea Benedetti, giovane di Villa Guardia. Questa volta ci sono invece voluti i tempi supplementari per conoscere il nome dello sfidante dell’Empoli, formazione già qualificata per la finalissima nazionale. Ripresi dai bianconeri dopo il doppio vantaggio firmato Gnonto, l’Inter ha potuto gioire solo alla fine del secondo tempo supplementare. Un gol all’ultimo istante dell’attaccante bergamasco Cappadonna ha mandato in estasi la truppa interista. A festeggiare sono anche due ragazzi di Villa Guardia, i centrocapisti Andrea Benedetti e Thomas Branzini. Il primo, eroe lo scorso anno della fase finale con due maxi prestazioni e gol in semifinale e finale (contro Atalanta e Juventus), è sceso in campo a metà ripresa, sfiorando il gol decisivo con una conclusione deviata. Il secondo, originario di Mauritios, invece non è stato mandato sul terreno di gioco del Valentino Mazzola”  di Santarcangelo di Romagna.

Cliccate qui per rileggere la cronaca in diretta del match.

Genera PDF e stampa