Piscina: ecco gli scenari futuri

piscina di villa guardiaLa notizia che l’attuale gestore della piscina di Villa Guardia terminerà il proprio operato al 31 agosto 2018 è ormai di dominio pubblico. La decisione ferma e irrevocabile dell’Amministrazione comunale è arrivata nei giorni scorsi dopo che la società Wet Life, attualmente impegnata nella gestione dell’impianto natatorio di via Tevere , aveva confermato le difficoltà contingenti a proseguire a pagare il mutuo annuale da circa 350 mila euro, concordato a suo tempo per rientrare dai costi di costruzione della struttura (4 milioni di euro), realizzata nel 2006 dal Comune con il metodo del project financing.

La revoca della concessione dell’impianto alla Wet life è immediata ma la data di esecuzione è stata differita al 31 agosto, in modo da permettere il regolare svolgimento di tutti i corsi e delle attività estive.

La decisione non poteva però essere rimandata, visto che il garante dei mutui è proprio l’Amministrazione comunale, titolare delle fidejussioni depositate a suo tempo. A malincuore, visti i buoni rapporti tra gestore e Comune, ecco allora lo stop. Troppo alta in questo momento per i gestori la rata di circa 350 mila euro annui stipulata con Banca Etica e con Intesa San Paolo.

“Garantiremo tutte le attività e ogni servizio sino al primo settembre con la massima professionalità che ci ha sempre contraddistinto”, hanno comunicato subito i vertici di Wet Life cercando di rassicurare gli utenti. Conferme anche per l’attuale staff. I sette dipendenti dovrebbero essere presi in carico dal nuovo gestore.

Sul versante del Municipio, nonostante il rammarico per la fine del rapporto, il sindaco Valerio Perroni si dice ottimista e ha già varato insieme ai legali del Comune il piano strategico per garantire continuità dei servizi alla scadenza della data X, in cui terminerà l’attuale concessione alla società che, oltre a Villa Guardia, gestisce anche l’omonimo impianto di Nibionno.

Valerio Perroni“I tempi tecnici per arrivare con l’assegnazione ad un nuovo gestore ci sono – spiega il primo cittadino – Martedì sarò in Provincia per programmare i passi necessari per indire una nuova gara e lavorare affinché al primo di settembre ci sia il nuovo gestore. Tutte le nostre energie sono concentrate sul superamento di tutti gli ostacoli”.

Nessun timore al momento di rimanere a bocca asciutta. “Al momento non abbiamo ragioni per pensare ad una eventuale mancata assegnazione del bando perché, durante tutti questi anni, sono numerosi gli operatori del settore che si sono più volte avvicinati per chiedere informazioni in merito alla gestione e manifestare il proprio interesse in caso di nuovo bando di assegnazione. Significa che la piscina di Villa Guardia mantiene tuttoggi intatto il proprio appeal. Pensiamo positivo quindi e lavoriamo sodo. Ci sono relazioni dei tecnici che indicano che l’impianto ha ancora potenzialità inespresse”.

Anche sull’aspetto finanziario il Comune si è rimboccato le maniche, valutando le criticità esposte dall’attuale gestore in merito alla rata del mutuo, ritenuta troppo pesante. “Insieme ai legali del Comune che seguono questa vicenda ci siamo già attivati e abbiamo aperto un tavolo di confronto con le Banche perché il garante del mutuo è il Comune e quindi spetta a noi attivarci. La trattativa è dura e ci sono diverse opzioni. Attendiamo speranzosi una risposta”.

 

 

Genera PDF e stampa